Eventi & News

“Marcia per il Clima” in Liguria , Genova, Savona, LaSpezia e altro

Marcia per il Climail 15 Marzo 2019 ! E’ il momento di muoverci ed attivare le nostre forze pacifiche uniti al Movimento FRIDAYS FOR FUTURE !

Il primo agosto 2018, anche conosciuto come “Earth Overshoot Day”, il consumo delle risorse disponibili ha ecceduto la capacità della Terra di rigenerare tali risorse durante l’ anno.

L’umanità è ormai in debito ecologico dagli anni ‘70.

Ogni anno consumiamo più di 1,7 “Pianeti Terra” cioè 1,7 volte tanto quello che il nostro pianeta dispone per un anno, consumando molto più velocemente di quanto esso si rigeneri.

Le emissioni eccessive di CO2 (e altri gas serra), dovute soprattutto all’allevamento intensivo, alla deforestazione e al consumo di combustibili fossili (trasporti, riscaldamento domestico, produzione di energia), hanno portato ad un riscaldamento dell’atmosfera terrestre.

La “Conferenza delle Parti” (COP24) di Katowice ha confermato la realtà dei cambiamenti climatici, definendoli come la più grande minaccia per l’umanità.

Il 95% circa della comunità scientifica avvalora la tesi del Surriscaldamento Globale dovuto a cause antropiche, mentre la restante minoranza afferma che questo riscaldamento si stia verificando ma che sia di “origine naturale”, in quanto nella sua lunga storia la Terra ha assistito a periodi oscillatori delle temperature, con picchi di caldo alternati a periodi di glaciazione.

Le concentrazioni di CO2 nell’aria, misurabili in PPM (parti per milione), negli ultimi 400.000 anni non hanno mai superato le 300 PPM, mentre ad oggi il livello raggiunge le 410 PPM, evidenziando così gli innegabili e irreversibili danni causati dall’uomo.

Alcuni di questi sono già visibili e risultano spaventosi:

Essi sono principalmente l’aumento della frequenza e dell’intensità di fenomeni atmosferici catastrofici (cicloni, tornado, alluvioni…), la desertificazione e la siccità prolungata, ancora lo scioglimento delle calotte polari e dei ghiacciai. Questi fenomeni hanno conseguenze disastrose per intere nazioni, in quanto rendono sempre più difficile coltivare in zone aride, aumentando così le carestie, i conflitti e i flussi migratori verso le zone temperate, privano intere regioni delle fonti di acqua potabile, contribuiscono all’innalzamento dei mari provocando erosione delle coste e allagamenti di aree costiere e sono alla base dell’estinzione di molte specie animali.

L’aumento di CO2 nell’atmosfera porta anche a un’ acidificazione degli oceani causando  danni irreparabili all’ecosistema marino, con la conseguente perdita di biodiversità. Lo scioglimento del permafrost rischia poi di rilasciare idrocarburi e virus patogeni rimasti fin ad ora nascosti, permettendo il conseguente ritorno di malattie del passato.

Se si pensa che questi problemi siano distanti e che non ci tocchino, occorre ricredersi.
 Nel rapporto ENEA sull’efficienza Energetica (giugno 2018) si dimostra che, se si continuasse con i consumi di risorse e le emissioni attuali, nel 2050 trentasette comuni italiani, dalla Toscana alla Sardegna, fino al Veneto, saranno sommersi.

Le conseguenze del riscaldamento sono molteplici:

  • le sempre più frequenti ondate di calore
  • episodi alluvionali sempre più frequenti con forti venti.
  • l’aumento della temperatura media primaverile di 2°C entro il 2050.
  • cambiamenti a livello di fauna e flora: deperimento di specie vegetali, migrazione di animali, allungamento della permanenza in vita delle zanzare tigre da ottobre a marzo.
  • perdita economica, dovuta al danneggiamento dell’agricoltura.

Inoltre, dagli anni Sessanta al 2013 sono scomparsi 20 ghiacciai sulle alpi piemontesi, e il volume totale dei ghiacciai alpini si è quasi dimezzato. Per fare un esempio concreto, se nel 1800 i ghiacciai della Valle d’Aosta ricoprivano il 10% della superficie della regione, oggi tale percentuale è scesa drasticamente al 4% e sul massiccio del Monte Rosa, l’area dove la riduzione è minore, i ghiacciai hanno perso il 37% della superficie, cioè più di un terzo. Una diretta causa della siccità, sono gli incendi, che, una volta appiccati, sono inarrestabili.

Il momento di fare qualcosa è giunto, prima che sia troppo tardi.

Su iniziativa della coraggiosissima attivista svedese sedicenne Greta Thunberg, a seguito del suo toccante discorso alle Nazioni Unite, è nato il movimento Fridays for Future, che si è rapidamente diffuso nelle più importanti città europee.

Numerosi studenti, universitari e interessati di ogni età si ritrovano tutti i venerdì per sensibilizzare sulla tematica e per far capire che, per un possibile futuro, le cose devono cambiare.

Nella speranza che vi rendiate conto della drammaticità della situazione, è con questo documento che chiediamo ad ognuno di voi di unirsi alla causa e partecipare alla manifestazione del 15 Marzo, global strike in tutto il mondo.

Abbiamo  deciso come Slow food ad aderire alla campagna e ovviamente  anche la Liguria sarà sulla scena  da levante a Ponente con La Spezia, Genova,  Savona e Imperia con i suoi comitati , per partecipare a questo importante evento mondiale, e interessarsi attivamente per prevenire un danno irreparabile per il nostro pianeta.

Per un buono, pulito e giusto sempre più ampio  partecipiamo alle marce del il 15 marzo secondo i vari programmi degli enti organizzativi https://www.facebook.com/events/390669138396730/

https://www.facebook.com/slowfoodliguriacomunicazione/

https://soci.slowfood.it/joinus/joinus_02_blank_choose_membership/?language=it&country=IT

http://www.slowfood.it

http://www.fao.org/news/story/en/item/1180463/icode/

Risultati immagini per marcia sul clima 15 marzo 2019 liguria

 

Risultati immagini per marcia sul clima 15 marzo 2019 liguria