L’estate in un barattolo, con Conserve fatte in casa!

Vi piacerebbe avere la dispensa piena di golosità sotto vetro, genuine e sempre pronte per l’uso? Allora non potete proprio perdervi l’ultimo ricettario di Slow Food Editore, Conserve fatte in casa(clicca sul titolo per saperne di più). La bella stagione, si sa, è il periodo più indicato per riempire i vostri vasetti con passate di pomodoro, verdure sott’olio e confetture. Seguendo alcuni semplici accorgimenti di base che troverete nel volume, sarà facile racchiudere in un barattolo i sapori dell’estate per goderne anche nei mesi più freddi.

I BARATTOLI

Il vetro è sicuramente il materiale migliore: è facil­mente sterilizzabile, non cede odori o sapori agli alimenti e permette di controllare in qualsiasi mo­mento le condizioni del contenuto. Le due princi­pali tipologie sono i barattoli con capsula a vite per sottovuoto – ottimi per marmellate e confetture – e quelli con chiusura a molla e guarnizione di gom­ma (frutta sciroppata e sotto alcol). Tappi e guarni­zioni vanno comunque cambiati a ogni invasatura.

 

photocredit: Barbara Torresan

LE DIMENSIONI E LA STERILIZZAZIONE DEI BARATTOLI

È consigliabile scegliere contenitori non troppo grandi se non si è sicuri di consumare la conserva entro breve tempo: rischierebbero di rimanere a lungo aperti in frigorifero, con conseguente deterioramento del prodotto. Nella maggior parte dei casi, i barattoli da 250 e 500 grammi sono più che sufficienti. Devono essere puliti, procedendo con la sterilizzazione tramite bollitura in una pentola della grandezza adeguata per almeno 20 minuti, facendo attenzione che il livello dell’acqua superi sempre il bordo dei vasi. Dopo averli estratti con una pinza, lasciateli asciugare a testa in giù appoggiati su un canovaccio pulito, quindi girateli per farli asciugare anche all’interno.

 

INVASATURA

Per le preparazioni che prevedono la cottura, è possibile utilizzare la tecnica “a caldo”, suffi­ciente per scongiurare ogni sviluppo batterico. Si riempiono i vasi fino a un centimetro dal bor­do con il preparato bollente. Prima di chiudere è importante accertarsi che non siano rimaste bolle di aria all’interno battendo i vasi sul piano di lavoro. Tappati, si capovolgono subito con la capsula verso il basso fino a completo raffred­damento.

 

STERILIZZAZIONE DEL PRODOTTO FINITO

Volendo procedere a una ulteriore sterilizzazione, questa dipende dalla grandezza dei contenitori: per i vasi da 250 grammi sono necessari 20 mi­nuti, per quelli da mezzo chilo 45 minuti. Si col­locano in una pentola con i coperchi rivolti verso l’alto, sistemando dei canovacci tra uno e l’altro. Si coprono di acqua fredda fino a 2-4 centimetri sopra il livello dei tappi e si fa bollire piano, a fuo­co costante, con i vasi sempre coperti dall’acqua. Spento il fuoco, si lasciano a bagno nella pentola.

 

Giunti a questo punto, è il momento di mettersi alla prova con due preparazioni tratte dal libro.

 

photocredit: Barbara Torresan

Passata di pomodoro

INGREDIENTI

5 chili di pomodori da salsa

un ciuffetto di basilico (facoltativo)

sale 

Lavate i pomodori, tagliateli a pezzi grossi e metteteli al fuo­co con poco sale. Cuocete fino a quando non inizieranno a disfarsi, eliminando con un mestolo buona parte dell’acqua che avranno rilasciato.

Passate tutto al setaccio, rimettete sul fuoco (aggiungendo eventualmente qualche foglia di basilico) e fate bollire an­cora per qualche minuto. Invasate la passata ancora calda, chiudete i barattoli e sterilizzate.

 

L’usanza di preparare la salsa di pomodoro, radicata in tutto il Meridione, si tramanda di genera­zione in generazione e tuttora rappresenta un momento speciale di condivisione.

 

Confettura di more di gelso

INGREDIENTI

un chilo di more di gelso nere

un limone

3 etti di zucchero di canna

 

Pulite le more, eliminando i piccioli, lavatele e asciugatele delicatamente.

Mescolatele in una terrina con lo zucchero, il succo e la scor­za grattugiata del limone, poi fatele riposare in un luogo fre­sco per almeno un paio di ore.

Trasferite il composto in una casseruola e cuocetelo a fiam­ma molto bassa per 30-40 minuti. Volendo ottenere una confettura più consistente, prolungate la cottura ancora per una ventina di minuti.

Versatela caldissima in barattoli da due etti e mezzo, tappa­teli e sterilizzateli.

 

Conserve fatte in casa

Prezzo di copertina: 9,90 €

Prezzo online: 8,42 €

Prezzo soci Slow Food: 6,93 € *

* Fino a mercoledì 11 luglio il libro è in offerta-lancio per i soci Slow Food al 30% di sconto qui

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio