Comunicati stampa

Il Lazio del vino protagonista di Slow Wine Fair 2023

A BolognaFiere dal 26 al 28 febbraio

 

Il Lazio è tra i protagonisti della seconda edizione di Slow Wine Fair, la manifestazione dedicata al vino buono, pulito e giusto che si svolge a Bologna dal 26 al 28 febbraio 2023. Organizzata da BolognaFiere con la direzione artistica di Slow Food, rappresenta l’incontro internazionale della Slow Wine Coalition e riunisce ancora una volta 750 cantine selezionate da Slow Food e operatori della filiera del vino provenienti da 21 Paesi e da tutte le regioni italiane.

Tra questi, al 17 febbraio la commissione di assaggio della fiera ha confermato la partecipazione di 7 cantine dal Lazio, regione che, secondo la guida Slow Wine 2023, sta crescendo: la qualità sta aumentando, così come la costanza di molte aziende, ma soprattutto c’è un crescente movimento artigianale che sta prendendo piede in modo significativo nella regione. Tuttavia, la frammentazione territoriale, che comporta la scomparsa o la scarsa valorizzazione di molte denominazioni, impedisce una crescita complessiva. Ci sono ancora incertezze sul futuro di alcuni vini di alcune aree che devono trovare nuovo slancio e identità, uscendo da vecchie filosofie. La Tuscia a tinte bianche è degna di nota, grazie ai suoi vitigni autoctoni, in particolare il grechetto, che stanno emergendo con forza e costanza. Anche Frascati sta offrendo vini sempre più convincenti. Nel frattempo, nel sud del Frusinate, c’è un laboratorio a cielo aperto che sta dando vita a un futuro promettente per il vino artigianale, grazie alla vasta gamma di vitigni autoctoni presenti in zona.

 

Ecco la lista delle cantine laziali confermate a oggi a Slow Wine Fair.

 

Provincia di Latina

Artico Camillo romano azienda agricola – Aprilia
Marco Carpineti – Cori

Provincia di Roma

Cantinamena   – Campoleone di Lanuvio
Lanciani – Tivoli Terme

 

Provincia di Frosinone

Casale della ioria – Acuto
L’Avventura – Piglio
Eredi dei Papi – Montecompatri

 

Il Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow

Appassionati e professionisti del settore sono chiamati a dar vita a una delle principali iniziative – e novità – di Slow Wine Fair 2023: il Premio alle migliori Carte dei vini. Si tratta di un ulteriore tassello nato dalla collaborazione tra Slow Food e Milano Wine Week per valorizzare il lavoro di chi promuove la cultura del bere bene e del vino buono pulito e giusto, e per rafforzare il legame tra locali che incentrano le proprie selezioni su vini di questo tipo e winelovers.

Dopo aver raccolto oltre 150 candidature da parte del pubblico e aver effettuato una prima scrematura, a BolognaFiere, lunedì 27 febbraio, è una giuria di esperti a decretare i premiati tra enoteche, ristoranti, winebar e osterie che si sono distinti per le loro selezioni territoriali e tematiche.

Ecco l’elenco dei locali laziali candidati per ogni categoria.
Scopri qui la lista completa.

 

Migliore selezione di vini certificati (biologici e/o biodinamici)

Antica pesa – Roma
Flor vino in giardino – Roma
Latteria Trastevere – Roma
Latteria – Itri
Vigneto – Roma

 

Migliore selezione di vini con il buon rapporto qualità prezzo

Enofficina – Roma
Osteria iotto – Campagnano di Roma

 

Migliore selezione di vini provenienti da vitigni autoctoni “minori”

Antica pesa – Roma
Roscioli – Roma
Vigneto – Roma

 

Premio Carta Vini Terroir – Barolo, Chianti classico, Irpinia e Loira

Fàfiuchè – Roma
Roscioli – Roma
Marco martini – Roma
Sinosteria – Roma