L’autobus va a Champagne

(Commenti 1)
A Reims, città culla dello Champagne, un autobus pubblico (l’OmnibusCity 100) sarà alimentato a etanolo ottenuto dagli scarti dell’uva usata per il famoso vino spumante francese.

«Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma» diceva il chimico Lavoisier. Questa massima calza a pennello per questo progetto pilota di tre mesi promosso dalla società Veolia-Transdev.

Il principio della sperimentazione è di sfruttare le risorse naturali della regione, non solo fornendo un’alternativa al petrolio, ma anche sostenendo l’economia locale. A gestire la produzione di bioetalonolo è infatti la cooperativa Raisinor di Reims.

L’etanolo prodotto a partire dall’uva di scarto permette di ridurre le emissioni ci anidride carbonica del 70%. Lo stesso tipo di sperimentazione è già in atto anche a Saint Quentin (Haute-Picardie): da maggio un autobus circola a bioetanolo prodotto da un’industria locale che utilizza gli scarti della lavorazione della barbabietola.

Ricordiamo che l’Unione Europea impone l’obiettivo di ricorrere per il 10% alle energie rinnovabili nel campo dei trasporti entro il 2020.

Qui sotto l’intervista a Eric Quénard, vicesindaco di Reims, sul piano “mobilità sostenibile” della città (in francese).

Luca Bernardini
l.bernardini@slowfood.it

Fonte:
mobilite-durable.org

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus