La pasta di Valentini

Francesco Paolo Valentini è un importante produttore di vino abruzzese che conduce in maniera esemplare l’azienda agricola di Loreto Aprutino ereditata dal padre Edoardo. Ma è soprattutto un contadino capace e di buon senso, che pensa e che vuole dare valore al proprio lavoro.
Produce da sempre, oltre al blasonato vino e allo splendido olio, anche grano – un ottimo grano italiano, varietà San Carlo – che però oramai è costretto a vendere sul mercato a prezzi inferiori a quelli di venti anni fa. Per valorizzare la propria produzione di qualità intuisce che l’unica strada praticabile è quella di trasformare il grano in pasta.
Trova a Bastia Umbra un mulino che trasforma in farina solamente grani italiani; poi si imbatte, abbastanza vicino a casa, in un piccolo pastificio di Roseto degli Abruzzi che produce pasta con farine di grano duro esclusivamente italiano. In questo modo riesce a chiudere il cerchio, producendo pasta con una filiera interamente “nazionale”, per garantire (e per dimostrare possibile) che il prodotto sia interamente autoctono.
La pasta è molto buona, prodotta con vecchie trafile in oro; viene studiato un packaging che ricorda gli altri prodotti aziendali e quindi arriva l’ora di mettere le confezioni di pasta in commercio, ma una doccia fredda è dietro l’angolo, non considerata: per la legge italiana un’azienda agricola può trasformare uva in vino, olive in olio, frutta e verdura in marmellate e conserve, ma non può trasformare grano in pasta, perché quest’ultima è considerata un prodotto industriale e non agricolo.
Per fortuna la tenacia e la caparbietà di Valentini hanno avuto la meglio e ora la pasta prodotta con il suo ottimo grano è pronta per il commercio, contraddistinta dal marchio del pastificio Verrigni – www.verrigni.com – che l’ha prodotta. Sulla confezione si può leggere la storia del progetto e il ritratto dei tre partner – produttore di grano, molino e pastificio – che hanno permesso, non senza problemi, che i consumatori possano godere di questo prodotto interamente italiano.
Perché la pasta, prodotto italico per eccellenza, spesso con il nostro Paese non ha nulla a che fare: viene prodotta all’estero con grani prodotti ovunque nel mondo. Con Valentini-Verrigni è possibile concedersi un ottimo piatto di spaghetti interamente italiani con la i maiuscola, magari conditi solamente con olio extravergine e con una spolverata di formaggio stagionato prodotto con latte di mucche nostrane.

Fabio Giavedoni
f.giavedoni@slowfood.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus