Orto in Condotta a Nizza Monferrato: la festa (è) continua

Festa dell’Orto in Condotta

Le feste slow di quest’anno scolastico sono iniziate a Novembre con la Festa dell’Orto in Condotta. Atteso con grande fermento, l’11 novembre è stato il termine delle attività orticole prima della pausa invernale. Con i preziosi consigli dei nonni ortolani, i bambini delle classi prime e seconde hanno seminato aglio, spinaci e fave, che cresceranno silenziosi durante l’inverno e daranno i loro frutti in primavera ed estate.

Mentre i bambini delle classi terze hanno esplorato il mondo dell’olio extravergine d’oliva attraverso la degustazione e le attività didattiche del kit della Festa dell’Orto in Condotta, agli studenti di quinta è spettato un compito singolare. È stato chiesto loro di creare storie di fantasia aventi come protagonisti gli attrezzi dell’orto raffigurati nelle simpatiche illustrazioni di Luigi Lazzaro, meglio conosciuto come Gigi. Ogni attrezzo avrebbe dovuto avere un originale nome di fantasia e una precisa descrizione del suo lavoro nell’orto.
I nomi più originali e i racconti più interessanti sono stati letti il giorno della Festa e verranno presto raccolti in un libricino, Storielle Spiritose di…. Attrezzi dell’Orto.storielle spiritose orto

Stanga la vanga, era la più bella e gentile tra tutti. Gli altri attrezzi le facevano la corte e tanti complimenti e nell’orto volevano lavorare accanto a lei. Non le davano un attimo di tregua e Stanga si infastidiva perché, avendo tutti intorno, non riusciva a smuovere la terra come avrebbe voluto. Tappa la zappa, anche se era bassa di statura, era una tipa anche lei, ma era acida come la panna andata a male e molto invidiosa di Stanga la vanga. Non faceva altro che mettersi in bella mostra zappando a più non posso senza però ottenere nessun risultato; infatti tutti la evitavano per il suo caratteraccio.

Cliccate qui per continuare a leggere le storie.

Le classi quarte avevano invece un appuntamento speciale: una foto ricordo con l’ulivo piantato durante la Festa dell’Orto in Condotta del 2013. Dopo lo scatto, da confrontare con quello dell’allora prima elementare, gli studenti hanno partecipato a una degustazione di olio extravergine di oliva italiano, in attesa di gustare le olive del loro affezionato albero.

 

Terra Madre Day

Le olive non si sono fatte attendere a lungo: eccole sfilare tra i banchi di scuola durante il Terra Madre Day, festeggiato, grazie al prezioso coordinamento delle maestre Ausilia e Antonina, nella Scuola Primaria Rossignoli il 14 dicembre scorso. Con grande stupore di bambini e insegnanti, il nonno ortolano Sandro mostrava orgoglioso le 42 olive (“Non una di più, non una di meno!”) appena raccolte dall’albero del cortile. Ma soprattutto frenava le mani veloci di bambini e insegnanti desiderosi di assaggiarle subito. “Non si possono mangiare così, prima dovremo metterle in salamoia!” Ed è subito iniziato lo scambio di ricette sulla preparazione delle olive tra insegnanti e operatori scolastici.

disfidaPer festeggiare il Terra Madre Day, il corpo docenti della Scuola Rossignoli e la Condotta Slow Food Colline Astigiane, con l’entusiasta capofila Piercarlo Albertazzi, hanno organizzato “La disfida della colazione. Meglio dolce o salata?”. Ed ecco che tutti i bambini della Scuola Primaria e del primo anno della Secondaria di primo grado Dalla Chiesa sono diventati elettori per un giorno, chiamati a scegliere tra il partito della “Colazione Dolce”, rappresentato da pane, burro e zucchero e pane e cugnà (della madrina dell’orto Graziana Rizzolo) e quello della “Colazione Salata”, capitanato da pane, olio e sale e pane e salame cotto.

Dopo l’assaggio dei candidati, è stato il momento del voto, tra l’indecisione di alcuni, “come è difficile scegliere tra tutte queste cose deliziose!” e la sicurezza di altri, “io voto la colazione dolce perché il mio preferito è stato pane, burro e zucchero”.

Vi state domandando quale colazione sia stata eletta vincitrice? Con il 65% dei voti la colazione salata ha vinto su quella dolce. Sarà anche merito della degustazione dell’olio extravergine di oliva fatta un mese prima durante la Festa degli Orti?

Preferenze a parte, l’iniziativa è stata un vero successo, complici anche i manifesti e i materiali elettorali creati da Eleonora Testa e Giada Gallo del Servizio Civile e il contributo dei genitori e dei nonni che anche quest’anno hanno rinnovato la loro partecipazione al Terra Madre Day preparando deliziosi spuntini e coordinando la merenda.

 

img_6225

 

Il ricavato della merenda, a offerta libera, sarà devoluto in parti uguali per l’acquisto di materiale e sementi per l’orto scolastico, per l’iniziativa “Le Scuole Statali di Nizza per le scuole di Norcia” a sostegno dei territori colpiti dal terremoto e per finanziare il progetto Gli Orti di Davide.

Il prossimo appuntamento è per lo Slow Food Day. Chissà che sorprese hanno in serbo insegnanti, genitori e la Condotta Colline Astigiane Tullio Mossa!

 

img_6282         img_6289

 

La merenda è stata realizzata con il contributo di Coldiretti, La Bottega di Campagna Amica di Nizza Monferrato, Comune di Nizza Monferrrato, Centrale del Latte di Alessandria e Asti e le macellerie di Nizza Monferrato (Ferrari Emilio, Vittorio e Loredana, Diotti Francesco) e di Calamandrana (Azienda Agricola Milano). 

Back to the archive