Donne Slow per il Cambiamento

Freschi del successo della sfida di Cibo locale, sì grazie (a breve i nomi dei vincitori) che ha coinvolto migliaia di sostenitori di Slow Food in tutto il mondo, siamo ora entrati nel vivo della seconda fase di Menu for Change, la nostra campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi necessari per sostenere i progetti Slow Food che in tutto il mondo aiutano contadini e artigiani anche a far fronte alle conseguenze del clima che cambia. E siamo entusiasti di presentarvi oggi il pranzo voluto da Slow Food Livorno che apre simbolicamente gli eventi organizzati dalle nostre associazioni locali, dagli Chef che fanno parte dell’Alleanza dei Cuochi Slow Food e da quanti vogliano cimentarsi in un menù amico del clima e raccogliere fondi per sostenere Slow Food.

Arianna e Francesca Orlandi

Dietro le quinte di questo pranzo, studiato nei minimi dettagli, c’è un gruppo di vulcaniche Donne Slow (sì, con la D maiuscola) che hanno messo a punto il perfetto menù amico del clima. Sono Valentina Gucciardo (segretaria di Slow Food Livorno e responsabile per i progetti educativi) e Fiamma Tofanari (fiduciaria di Slow Food Livorno), le fantastiche Arianna e Francesca Orlandi del ristorante Montallegro Orlandi di Livorno, Paola e Alda Bosi del ristorante Diavoletti di Capannori (Lu), Marusca Falanga della Pescheria Mare Blu del mercato centrale di Livorno e Alessandra Grilli, dell’azienda Villa Magra.

Abbiamo sentito Valentina che ci ha raccontato perché e cosa si ritroveranno in tavola i fortunati che parteciperanno al pranzo domenica 12 novembre al ristorante Montallegro Orlandi.

Valentina Gucciardo

«Volevamo esserci anche noi, dare il nostro contributo per questa campagna che deve rimbombare in tutto il mondo. A Livorno abbiamo vissuto sulla nostra pelle quali siano le conseguenze di precipitazioni eccezionali che stanno diventando la norma. La pioggia torrenziale che ha messo in ginocchio la nostra cittadina e tutto il circondario tra il 9 e il 10 settembre ci deve far riflettere, non solo su come possiamo ridurre le nostre emissioni, ma anche su come fronteggiare un cambiamento che è già in atto. Dobbiamo imparare a custodire la terra e il nostro ambiente, consapevoli del fatto che stiamo andando in contro a un clima diverso, a precipitazioni che cambiano. E Slow Food Livorno sarà sempre in prima linea».

Senza naturalmente dimenticare il grande piacere che può darci il convivio, specie se affidato alle sapienti mani di tre cuoche d’eccezione.

Paola e Alda Bosi

«In cucina ci saranno Arianna Orlandi (la padrona di casa), sua sorella Francesca e Marusca Falanga (la nostra esperta di cucina di mare). Marusca è un’appassionata gastronoma e una pedagogista, ma soprattutto ci preparerà un piatto di pesce eccezionale». Assaggio di mare “cosa c’è c’è”, il menù su questo punto fa ben sperare: «Arianna aveva proposto le acciughe accoppiate, ma Marusca ha rimandato al mittente: “quel che c’è, c’è” ha sentenziato. Perché: “al mare non si comanda e non possiamo prevedere prima quello che vorrà donarci”». Non solo, Valentina ci racconta che Marusca è molto attenta e soprattutto impegnatissima a diffondere la conoscenza di specie ittiche meno note e a far apprezzare tutte le parti del pesce: «Tutti vogliono sempre solo orate e spigole sfilettate, noi vogliamo cogliere l’occasione anche per recuperare ricette della tradizione che si stanno perdendo perché sostituite dal pesce bistecca. E poi, stiamo prevedendo anche un fuori menù, un fumetto di pesce servito in teiera, proprio per dimostrare che si possono fare piatti deliziosi con tutte le parti del pesce».

Un altro piatto importante della giornata è la zucca di Federico Rustici, titolare di una piccola azienda agricola a Collinaia, frazione di Livorno: «Un simbolo dell’alluvione. Quando il suo campo è stato colpito, Fede ha salvato le sue zucche in un container. Ma rischiava di perdere tutto il raccolto: qualcuna era ammaccata e poteva sciuparsi velocemente. Vista la grande difficoltà, è stato lanciato un appello affinché venisse acquistato tutto il raccolto in modo da dare ossigeno all’azienda che deve rimettersi in piedi. La gara di solidarietà è stata imponente, c’è stata una vera processione di acquirenti. Io ho fatto avanti e indietro con la mia Kangoo e sono riuscita a vendere ottanta zucche grandi da 10/15 kg l’una e altrettante piccole. Quella che si mangerà al pranzo per Menù for Change è proprio una delle zucche da 15 kg di Fede, comprata da Marusca e che abbiamo deciso di utilizzare in un momento importante. Vorremmo però che passasse il messaggio che sostenere l’agricoltura locale deve diventare una pratica quotidiana, non l’eccezione durante l’emergenza».

La mitica zuppa di Slow Beans

E l’ospite? «La Zuppa di Slow Beans ce la prepara la mitica Alda Bosi, cuoca dei Diavoletti di Lucca dove tra l’altro è entrato in carta. Unpiatto simbolo della forte comunità del cibo nata a Capannori intorno ai produttori di legumi e che ora accoglie produttori e coproduttori di tutta Italia. L’abbiamo scelta come piatto simbolo di un menù che vuole far riflettere sul rapporto tra il cibo e il cambiamento climatico, ma anche perché, come succede per il pesce, dei legumi si conoscono solo le lenticchie per Capodanno, o i ceci con il baccalà, mentre le varietà sono tantissime: la Zuppa di Slow Beans raccoglie tantissime varietà da tutta Italia, è un concerto a più voci ». Ma questa è un’altra storia che vi racconteremo presto.

P.S.

Slow Food Livorno parteciperà alla Settimana europea per la riduzione dei rifiuti alla quale ha aderito anche il Comune di Livorno. Troverete i nostri amici sabato 25 novembre, dalle 9 alle 17.30 in piazza Cavour dove distribuiranno ricette anti spreco elaborate nel laboratorio: “Lotta allo spreco alimentare, riduzione rifiuti e riuso creativo con Menu for Change – ricette amiche del clima”, che coinvolge i bambini delle scuole che coltivano l’Orto in Condotta di Slow Food che realizzeranno nuove ricette da sperimentare con le eccedenze delle mense.

Grazie Slow Food Livorno!!!

Info

Costo del pranzo: soci Slow Food € 28, non soci € 32

Bambini sotto i 10 anni: menù speciale a € 10

Da segnalare eventuali celiaci

Per prenotazioni

Slow Food Condotta di Livorno: slowfoodlivorno@gmail.com

tel. 3289693680

Ristorante Montallegro Orlandi tel. 0586579030

Menù completo

  • Zuppa Slow Beans
  • Bocconcini di Zucca al forno con rosmarino
  • Mezze cipolle al forno con Pane Toscano Dop
  • Crostoni di Cavolo stufato con coriandoli di salciccia*
  • Assaggio di mare “cosa c’è c’è”
  • Mela al forno con uvetta
  • Torta di barbabietole al cioccolato
  • Caffetteria

Vini serviti:

Vermentino Michele Satta Bolgheri

Rosso Le Franette Azienda Agricola Bocelli

*Le salsicce provengono da una piccola azienda agricola che alleva i maiali allo stato semi brado. Non possiamo garantire la presenza perché l’allevatrice ha avuto un problema con il camioncino e non vuole far trasportare i suoi animali a nessun altro perché «I nostri animali per noi sono sacri, li alleviamo con amore e con rispetto, e li vogliamo occuparci di loro fino all’ultimo» ci ha spiegato Alessandra dell’azienda Villa Magra.

Michela Marchi
m.marchi@slowfood.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus