Slow Food donate | Fondazione Terra Madre | Fondazione slow Food per la Biodiversità ONLUS | Sostienici adesso Sostienici Associati
 
 

Tutela della Biodiversità

 
 

Presidio del gelso del Pamir, Tajikistan


Esistono ancora luoghi incontaminati, senza industrie e inquinamento, dove le comunità vivono in armonia con il proprio ambiente.
 È il caso della provincia autonoma di Gorno- Badachshan. Nonostante la sua estensione
(circa 65 000 chilometri quadrati) sia pari alla metà del paese, solo il 3% del territorio è abitabile.

 

Il Gorno-Badachshan si trova sulle montagne
del Pamir, il cosiddetto "tetto del mondo".
 I pochi villaggi sono adagiati nelle vallate,  lungo i fiumi, e la gente coltiva ogni fazzoletto di terra
 a disposizione. Introdotto dalla Cina attraverso
la via della seta, il gelso si è perfettamente adattato all'ambiente difficile di queste montagne: cresce 
tra i 1100 e i 2400 metri, sostituendo prodotti che non riescono a maturare a queste altitudini, come
 il frumento e l'orzo. Le piante raggiungono un'età ragguardevole; alcune, secondo le testimonianze dei produttori più anziani, hanno oltre un secolo
di vita. Nel Pamir esistono più di 60 varietà di gelso, risultato di secoli di selezione e adattamento. Il gelso si consuma fresco o trasformato in confetture e sciroppi; le bacche si mangiano anche essiccate, intere o macinate e trasformate nel pikht, una
 sorta di farina usata come dolcificante nel tè, nel latte fermentato o nella panna acida, oppure come ingrediente di torte ripiene (mescolata alla ricotta). Si raccoglie principalmente per l'autoconsumo: in estate le famiglie mettono da parte 20 o 30 sacchi di gelso essiccato, come riserva per l'inverno. Durante la seconda guerra mondiale e la lunga guerra civile che ha martoriato il paese fino al 1997, il gelso 
ha rappresentato il principale nutrimento per la popolazione locale.

 

La comunità di produttrici
 di gelso di Khorog che ha dato vita al Presidio fa parte della rete di Terra Madre dal 2004. Il Presidio riunisce per il momento, 23 donne provenienti 
da due distretti della provincia autonoma del Gorno-Badachshan. Il suo obiettivo principale è salvaguardare la tradizione del consumo di gelso
nel Pamir, che negli ultimi anni si è notevolmente ridotta, a causa della diffusione dei prodotti industriali. Il Presidio fornirà alle produttrici le attrezzature necessarie per raccogliere, essiccare e conservare le bacche.

 

Le attività

  • Realizzare la bozza del disciplinare
 di produzione del Presidio;
  • Produrre il packaging necessario per
i trasformati di gelso;
  • Ottenere le autorizzazioni sanitarie necessarie alla vendita del prodotto presso le autorità deputate;
  • Organizzare una formazione per migliorare
 la cura degli alberi di gelso e le caratteristiche qualitative del prodotto;
  • Realizzare e distribuire materiale per la promozione del prodotto sul mercato locale
 e nazionale.

 

Area di produzione
Provincia Autonoma di Gorno-Badachšan, distretti di Shugnan e Rushan

 

Beneficiari
23 produttrici
2 trasformatori

Le famiglie dei produttori (circa 200 persone)

 

Costi totali stimati
10.000 €





Sostienici

Compila il modulo per effettuare una donazione



Nome *
 
Cognome *
 
E-mail *
 
Nazione
 
Desidero lasciare un nominativo da pubblicare nella lista dei Donatori
 
Seleziona il progetto da sostenere
 
Importo € *
20€ 50€ 100€
   
200€ 500€
 
altro  *,00
 
Voglio ricevere informazioni
 
Sono un socio Slow Food
   
Note
   
 
informativa sulla privacy *
Si, acconsento al trattamento dei miei dati in conformità con le norme di legge relative alla privacy.
Leggi l'informativa sulla privacy »
   
Controllo di sicurezza *
   
 
Presidio del gelso del Pamir, Tajikistan
Presidio del gelso del Pamir, Tajikistan
Presidio del gelso del Pamir, Tajikistan
Presidio del gelso del Pamir, Tajikistan
 
   
 
 
 

Slow Food- P.IVA 02743970044 - All rights reserved

Powered by Blulab