Romano Prodi consegna a Slow Food il prestigioso Sicco Mansholt Prize 2002 per l’agricoltura sostenibile

Slow Food si è aggiudicato il Sicco Mansholt Prize 2002, riconoscimento assegnato a persone ed istituzioni che contribuiscono, con il loro operato, ad apportare idee e progetti nuovi nel campo dell’agricoltura sostenibile e della produzione equa ed ecologicamente corretta.Il presidente della Commissione Europea Romano Prodi, nel consegnare il premio a Carlo Petrini, presidente di Slow Food, ha evidenziato l’importante ruolo che il movimento sta ricoprendo progressivamente in tutto il mondo per l’affermazione di un’agricoltura di qualità e rispettosa dell’ambiente e del consumatore.

Il Premio, che prende il nome da Sicco Mansholt (1908-1995), uno dei padri fondatori dell’Europa moderna e promotore di un nuovo modello di agricoltura, è andato a Slow Food per l’approccio creativo verso la sostenibilità attraverso il potere d’acquisto del consumatore e la cultura del piacere dello stare a tavola.

“Per il nostro movimento – sottolinea Carlo Petrini – questo premio rappresenta un ulteriore e gratificante stimolo nel proseguire la strada intrapresa a sostegno di una nuova agricoltura in cui sia centrale il lavoro dell’uomo, il rispetto della biodiversità, la storia e le tradizioni dei popoli”.

Ufficio stampa Slow Food -Valter Musso, Alessandra Abbona, Paola Nano, Ilaria Morra – tel. 0172 419615, 419666, fax 0172 421293 e-mail v.musso@slowfood.it – s.abbona@slowfood.it – p.nano@slowfood.it – i.morra@slowfood.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No