Presentazione dei risultati della prima fase del progetto Lactimed

Saranno presentati a Palermo, il 3 dicembre prossimo, i risultati della prima fase del progetto europeo Lactimed “Valorizzare i prodotti lattiero-caseari del Mediterraneo”. Durante il convegno, in programma nell’Aula Magna della Facoltà di Agraria dell’Università di Palermo a partire dalle 14,30, saranno illustrati i dati relativi alla ricerca sui consumi nazionali dei prodotti lattiero caseari (svolta da Aster della Regione Emilia Romagna) e le analisi svolte sulla filiera produttiva siciliana (realizzate dal prof. Iuri Peri dell’Università di Catania), compreso un sondaggio di Slow Food sui consumi dei formaggi siciliani condotto tra esperti caseari e giornalisti di settore, e saranno condivise le strategie delle future fasi del progetto.
Lactimed è un progetto europeo che si propone la valorizzazione delle produzioni lattiero-casearie tipiche del Mediterraneo, e che coinvolge Tunisia, Egitto, Libano, Grecia e l’Italia, limitatamente alla sola regione Sicilia.  Partner per quanto riguarda la Sicilia è Slow Food, che concentrerà la sua azione sulle piccole produzioni tradizionali a latte crudo dell’isola e sulla valorizzazione della biodiversità legata alle razze autoctone locali.

Parteciperanno all’incontro Mahjouba Zaiter (Pole de Competitivité di Biserta, Tunisia) di Selma Tozanli e Hamid Bencharif dell’Istituto Agronomico di Montpellier, Aurélien Baudoin, ANIMA Investment Network; Paola Vecchia, CRPA (Centro Ricerche Produzioni Animali) di Reggio Emilia; Lucio Rossetto, Amministratore Delegato Ipercoop Sicilia; Massimo Todaro, Presidente del Consorzio della Vastedda della Valle del Belice Dop e del Consorzio Pecorino siciliano Dop; Salvatore Gurrieri, Trazzere del Gusto, selezionatore e commercializzatore di prodotti tipici di qualità; Raffaella Ponzio,  Slow Food.
Per maggiori informazioni sul progetto: m.dotta@slowfood.it

Il progetto è finanziato dall’Unione Europea

 

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No