Premiate le migliori Osterie d’Italia 2006

Si è svolta stamane a Roma all’Hotel Hilton la cerimonia di premiazione dei locali insigniti della “chiocciola”, nell’ambito della presentazione dell’edizione 2006 di Osterie d’Italia, sussidiario del mangiarbere all’italiana.

La Chiocciola è un riconoscimento che premia, tra i molti locali segnalati, i luoghi che «ci piacciono in modo speciale, per l’ambiente, la cucina, l’accoglienza in sintonia con lo Slow Food». Quest’anno i premiati sono 201, in crescita rispetto ai 189 dell’anno scorso.

Nel corso della presentazione la curatrice della guida, Paola Gho, ha esordito chiedendo: «Lavorare per la qualità paga? Sì, anche in un momento di crisi, chi lavora bene e a un costo giusto ha i tavoli pieni. I migliori risultati – ha proseguito – si ottengono combinando intelligenza e competenza nella preparazione dei piatti, per tornare a sapori veri e abbandonare l’omologante “neutro-bianchiccio-insapore” che sta anestetizzando i palati delle nuove generazioni». La curatrice ha inoltre ribadito che la guida non vuole istituire un modello al quale uniformarsi ma rendere ogni ristoratore libero di seguire la propria personalità in una filosofia che privilegia accoglienza, semplicità e convivialità.

Osterie d’Italia 2006 è in libreria e propone al suo affezionato pubblico 1668 soste di piacere – osterie, trattorie, ristoranti, enoteche, aziende agrituristiche – che contribuiscono a disegnare la geografia della cultura del cibo in Italia (nell’edizione 2005 erano 1649). Come ogni anno, il Sussidiario di Slow Food presenta un buon numero di novità: quest’anno sono 193 (206 nel 2005) i locali segnalati per la prima volta con, in più, due nuovi percorsi: osterie e trattorie dello stoccafisso all’anconetana e i folpari di Padova, due ulteriori tasselli di quel mosaico della tradizione gastronomica popolare che Osterie d’Italia va costruendo da sedici anni. Il simbolo della bottiglia segnala 483 cantine ricche e qualificate (499 nel 2005); 223 sono i Locali del buon formaggio (contro i precedenti 218) che dedicano un’attenzione particolare alla selezione casearia. La guida si avvale di 400 collaboratori sul territorio che visitano periodicamente i locali.

Il Gruppo Italiano Vini ha contribuito all’evento di presentazione della guida.

Di seguito, diviso per regione, l’elenco delle Osterie premiate con la chiocciola

Abruzzo

Locanda del Pompa – Campli (Te)
Zenobi – Colonnella (Te)
Villa Maiella – Guardiagrele (Ch)
Taverna de li Caldora – Pacentro (Aq)
Locanda Manthoné – Pescara (PE)
Taverna 58 – Pescara (PE)

Alto Adige
Krone Aldino – Aldein (Bz)
Oberraut – Brunico-Bruneck (Bz)
Garsun – Marebbe-Enneberg (Bz)
Dorfnerhof – Montagna-Montan (Bz)
Jägerhof – San Leonardo in Passiria-Sankt Leonard (Bz)
Durnwald – Valle di Casies-Gsies (Bz)

Basilicata
Pezzolla – Accettura (Mt)
Al becco della civetta – Castelmezzano (Pz)
La fontana del tasso – Francavilla in Sinni (Pz)
Il giardino di Epicuro – Maratea (Pz)
Da Peppe – Rotonda (Pz)
Luna rossa – Terranova di Pollino (Pz)

Calabria
Sabbia d’oro – Belvedere Marittimo (Cs)
Max – Cirò Marina (Kr)
La rondinella – Scalea (Cs)
Parco Pingitore – Serrastretta (Cz)
La tavernetta – Spezzano della Sila (Cs)

Campania
’A paranza – Atrani (Sa)
Valleverde – Atripalda (Av)
Antica trattoria Martella – Avellino (Av)
Lo spiedo – Bagnoli Irpino (Av)
Il focolare di Loretta e Riccardo D’Ambra – Barano d’Ischia (Na)
Nunzia – Benevento (Bn)
Grillo d’oro – Bisaccia (Av)
La pergola – Capaccio (Sa)
Le quattro fontane – Casagiove (Ce)
Viva lo re – Ercolano (Na)
Fenesta verde – Giugliano in Campania (Na)
La Marchesella – Giugliano in Campania (Na)
La torre – Massa Lubrense (Na)
Trattoria Di Pietro – Melito Irpino (Av)
Terra Santa – Nocera Superiore (Sa)
Osteria del gallo e della volpe – Ospedaletto d’Alpinolo (Av)
La caveja – Pietravairano (Ce)
Angiolina – Pisciotta (Sa)
’E Curti – Sant’Anastasia (Na)

Canton Ticino
Grotto dell’ortiga – Manno (Tic)
Ul furmighin – Sagno (Tic)

Emilia Romagna
Al gambero rosso – Bagno di Romagna (Fc)
Campanini – Busseto (Pr)
Locanda Mariella – Calestano (Pr)
Il capolinea – Castelnovo ne’ Monti (Re)
L’oca giuliva – Ferrara (Fe)
Locanda del falco – Gazzola (Pc)
Osteria del vicolo nuovo – Imola (Bo)
Osteria di Rubbiara – Nonantola (Mo)
Da Amerigo – Savigno (Bo)

Friuli
Ai cacciatori – Cavasso Nuovo (Pn)
Rosen bar – Gorizia (Go)
Vecchia Maniago – Maniago (Pn)
Al tiglio – Moruzzo (Ud)
Antica bettola da Marisa – Rive d’Arcano (Ud)
Il favri – San Giorgio della Richinvelda (Pn)
Alle nazioni – San Quirino (Pn)
Devetak – Savogna d’Isonzo (Go)
Da Afro – Spilimbergo (Pn)
Sale e pepe – Stregna (Ud)
Da Gaspar – Tarcento (Ud)

Lazio
Lo schiaffo – Anagni (Fr)
Vino e camino – Bracciano (Rm)
Osteria del tempo perso – Casalvieri (Fr)
Sirio – Formia (Lt)
Zarazà – Frascati (Rm)
La briciola di Adriana – Grottaferrata (Rm)
Cantina Colonna – Marino (Rm)
Hostaria della piazzetta – Monte San Biagio (Lt)
Taverna Colonna – Paliano (Fr)
Antica osteria Fanti – Priverno (Lt)
Osteria del velodromo vecchio – Roma (Rm)
Trattoria Monti – Roma (Rm)
Osteria di San Cesario – San Cesareo (Rm)
La Torre – Viterbo (Vt)

Liguria
Armonia – Bajardo (Im)
Magiargè – Bordighera (Im)
Dâ Casetta – Borgio Verezzi (Sv)
Osteria dell’Acquasanta – Mele (Ge)
Antica osteria dei Mosto – Ne (Ge)
La brinca – Ne (Ge)

Lombardia
Al ponte – Acquanegra sul Chiese (Mn)
Le frise – Artogne (Bs)
Altavilla – Bianzone (So)
Osteria de l’umbreleèr – Cicognolo (Cr)
Il gabbiano – Corte de’ Cortesi (Cr)
La sosta – Cremona (Cr)
Porta Mosa – Cremona (Cr)
Locanda agli angeli – Gardone Riviera (Bs)
Caffè la crepa – Isola Dovarese (Cr)
Prato Gaio – Montecalvo Versiggia (Pv)
Osteria del crotto – Morbegno (So)
Osteria Burligo – Palazzago (Bg)
Osteria della villetta – Palazzolo sull’Oglio (Bs)
Trattoria dell’alba – Piadena (Cr)
Da Giusy – Ponte di Legno (Bs)
Inarca – Proserpio (Co)
Via vai – Ripalta Cremasca (Cr)
Trattoria alle rose – Salò (Bs)
Castello – Serle (Bs)
Conca verde – Trescore Balneario (Bg)
Bistek – Trescore Cremasco (Cr)
Lamarta – Treviso Bresciano (Bs)

Marche
Il giardino degli ulivi – Castelraimondo (Mc)
Oasi degli angeli – Cupra Marittima (Ap)
Da Maria – Fano (Pu)
Osteria dell’arco – Magliano di Tenna (Ap)
Maria – Mondavio (Pu)
Da Quintilia Mercuri – Montefalcone Appennino (Ap)
La canonica – Pesaro (Pu)
Damiani e Rossi – Porto San Giorgio (Ap)
La pianella – Serra San Quirico (An)

Piemonte
Osteria dell’arco – Alba (Cn)
’L bunet – Bergolo (Cn)
Locanda dell’olmo – Bosco Marengo (Al)
Boccondivino – Bra (Cn)
Marsupino – Briaglia (Cn)
Violetta – Calamandrana (At)
L’osteria del Castello – Castell’Alfero (At)
Madonna della Neve – Cessole (At)
Trattoria della posta da Camulin – Cossano Belbo (Cn)
Ristorante del mercato da Maurizio – Cravanzana (Cn)
Osteria Veglio – La Morra (Cn)
La taverna di Fra Fiusch – Moncalieri (To)
La cantina del rondò – Neive (Cn)
Pace – Sambuco (Cn)
Del Belbo da Bardon – San Marzano Oliveto (At)
La coccinella – Serravalle Langhe (Cn)
Lou sarvanot – Stroppo (Cn)
Antiche sere – Torino (To)
Ca’ del re – Verduno (Cn)
Perbacco – Villa San Secondo (At)

Puglia
Antichi sapori – Andria (Ba)
Terranima – Bari (Ba)
Pantagruele – Brindisi (Br)
Cibus – Ceglie Messapica (B)r
Chacaito l’osteria di zio Aldo – Foggia (Fg)
Da Pompeo – Foggia (Fg)
Osteria di Salvatore Cucco – Gravina in Puglia (Ba)
Cucina casereccia – Lecce (Le)
L’antica locanda – Noci (Ba)
Peppe Zullo – Orsara di Puglia (Fg)
A casa tu Martinu – Taviano (Le)

Sardegna
Santa Rughe – Gavoi (Nu)
Da Riccardo – Magomadas (Or)
Letizia – Nuxis (Ci)
Paolo Perella – Villasalto (Ca)

Sicilia
Don Ciccio – Bagheria (Pa)
Osteria locale – Buccheri (Sr)
Nangalarruni – Castelbuono (Pa)
Ristorante del golfo – Castellammare del Golfo (Tp)
Taverna Nicastro – Modica (Rg)
Osteria paradiso – Palermo (Pa)
Cantina siciliana – Trapani (Tp)
Vultaggio (ex Misiliscemi) – Trapani (Tp)

Toscana
Antica fattoria del Grottaione – Castel del Piano (Gr)
La solita zuppa – Chiusi (Si)
Il cibreo – Firenze (Fi)
Mario – Firenze (Fi)
Hosteria la vecchia ròta – Marciano della Chiana (Ar)
Da Tronca – Massa Marittima (Gr)
Osteria Bonanni – Montelupo Fiorentino (Fi)
Il frantoio – Montescudaio (Pi)
Il pozzo – Pieve Fosciana (Lu)
Il Garibaldi innamorato – Piombino (Li)
Re di Puglia – Pisa (Pi)
Da Bussè – Pontremoli (Ms)
La tana degli orsi – Pratovecchio (Ar)
Boscaglia Opificio del bosco – Radicondoli (Si)
La vecchia cantina – San Marcello Pistoiese (Pt)
Da Gagliano – Sarteano (Si)
Hosteria il carroccio – Siena (Si)
Costachiara – Terranuova Bracciolini (Ar)
L’acquolina – Terranuova Bracciolini (Ar)

Trentino
Maso Cantanghel – Civezzano (Tn)
Locanda delle tre chiavi – Isera (Tn)
Nerina – Romeno (Tn)
Fuchiade – Soraga (Tn)
Mezzosoldo – Spiazzo (Tn)

Umbria
L’acquario – Castiglione del Lago (Pg)
Il Bacco felice – Foligno (Pg)
Rosso di sera – Magione (Pg)

Valle d’Aosta
Locanda La Clusaz – Gignod (Ao)

Veneto
Ai monti da Zamboni – Arcugnano (Vi)
Ca’ Derton – Asolo (Tv)
Alle Codole – Canale d’Agordo (Bl)
Al portico – Cona (Ve)
Al caminetto – Follina (Tv)
Da Conte – Mira (Ve)
La ragnatela – Mirano (Ve)
Taverna Kus – San Zeno di Montagna (Vr)
Antica trattoria al bosco – Saonara (Pd)
Da Doro – Solagna (Vi)
Al sasso – Teolo (Pd)
Alla sorgente – Torrebelvicino (Vi)
Hostaria a le bele – Valdagno (Vi)
Ostaria da Mariano – Venezia (Ve)
Al bersagliere – Verona (Vr)

Osterie d’Italia 2006 Sussidiario del mangiarbere all’italiana
A cura di Paola Gho, Slow Food Editore
In libreria 20,14 euro

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No