Benvenuto Presidio Slow Food Alto Casertano

Diamo il benvenuto al nuovo Presidio della Biodiversità territoriale presentato venerdì scorso a Piedimonte Matese (Ce) e che sarà realizzato da Slow Food Campania e Fondazione Slow Food per la Biodiversità nell’Alto Casertano, nel territorio del Monte Matese, del Monte Maggiore e del Monte Santa Croce. «È il primo grande progetto di Presidio territoriale targato Slow Food», racconta Gaetano Pascale, presidente Slow Food Campania – «reso possibile grazie all’intuizione del Gal Alto Casertano che ha promosso uno studio per individuare colture e allevamenti tradizionali a rischio di scomparsa e microfiliere locali».

Il progetto si articola in tre azioni, grazie alle quali si creeranno le premesse per il recupero della biodiversità locale e la diffusione sul territorio di tecniche di produzione agricola e  agroalimentare rispettose dell’ambiente. Come? L’idea è di avviare un censimento della biodiversità esistente e una conseguente selezione della biodiversità rilevante con l’obiettivo di offrire un contributo decisivo all’autodeterminazione e allo sviluppo locale. Delle specie osservate e selezionate saranno poi redatti i disciplinari di produzione mediante i quali sarà verificata la fattibilità di attivare alcuni Presìdi Slow Food nell’area. Le azioni del progetto mireranno inoltre  a  formare, informare e rafforzare le competenze degli attori coinvolti nel territorio, mettere a livello le politiche di sviluppo rurale con la Pac, orientare il sistema di consulenza aziendale e favorire lo sviluppo di fonti alternative di reddito. 

Ercole de Cesare, Presidente del GAL Alto Casertano e Pietro Andrea Cappella, Coordinatore del GAL Alto Casertano hanno inteso sottolineare la particolare attenzione che il Gal riserva a questo percorso: «Con la stipula della Convenzione tra Fondazione Slow Food per la Biodiversità, Slow Food Campania e GAL Alto Casertano si aggiunge un ulteriore tassello nel percorso di costruzione di una immagine condivisa e sostenibile dell’Alto Casertano. Il recupero della biodiversità locale ci consentirà di offrire un contributo decisivo all’autodeterminazione e allo sviluppo locale».

Antonio Puzzi
Slow Food Campania 

SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio

comments powered by Disqus